Documenti Associazione

Associazione P.E.R. – Pour Les Enfants Rwandais

ONLUS

Sede in Pisa – Frazione Ospedaletto

Via Scornigiana, n.58

Codice Fiscale: 9305824 050 3

***   ***   ***

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO

AL BILANCIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2017

***   ***   ***

Signori Soci,

sottoponiamo il bilancio consuntivo chiuso al 3 1 dicembre 2017 alla vostra approvazione e vi presentiamo i fatti salienti di questi primi mesi dell’anno 2018.

Dopo il viaggio in Rwanda del Dicembre 2016, occasione di incontri significativi e costruttivi con il Vescovo della Diocesi di Ruhengeri Mons. Harolimana, con i suoi collaboratori più stretti, tra cui l’Economo Generale, Jean Claude Twizeyumukiza ed il vice-Economo Dieudonné, divenuto, di fatto,  il nostro referente in Diocesi, con la direttrice del Centro Sanitario di Ndongozi e con Don Jean Bosco Muneza, parroco di Runaba, il 2017 è risultato essere un anno di grande attività e dinamicità dell’Associazione P.E.R., oltre che un anno in cui abbiamo potuto beneficiare di un ottimo cambio di valuta euro/franco rwandese

Durante la visita al Centro Sanitario di Ndongozi nel Dicembre2016 ci erano state comunicate dalla Direttrice delle criticità strutturali soprattutto nel settore Maternità, relativamente alla sala parto e alla sala travagli, troppo strette ed insufficienti in caso di travagli/parti  in contemporanea di più di due donne (situazione molto frequente).

Per risolvere tali criticità , l’Economato della Diocesi nel mese di marzo 2017 ci ha presentato lo studio progettuale ed il preventivo di un ampliamento funzionale delle suddette sale, ammontante  a circa € 12.500,00. Dopo l’accettazione da parte del Consiglio Direttivo dell’Associazione, abbiamo provveduto a bonificare tale importo rateizzandolo in tre bonifici diversi: il 15/05/2017 primo bonifico di €6.500,00, il 5/6/2017 il secondo bonifico di €3.500,00 ed il 6/7/2017 il terzo bonifico a saldo della fattura di € 2.500,00. Durante i lavori Dieudonné ci ha tenuto costantemente aggiornati sia con foto che con documenti attestanti le varie fasi dei lavori. Tutto è proceduto speditamente fino all’inaugurazione dei nuovi reparti della Maternità, avvenuta alla presenza del Vescovo Monsignor Harolimana  il 18 Agosto 2017.

Dalla visita effettuata dalla nostra delegazione in Rwanda nei giorni dal 5 al 10 Dicembre 2017, è stato verificata l’esecuzione ed il buon funzionamento dei nuovi padiglioni della Maternità: attualmente Ndongozi può usufruire di una grande sala travagli, ospitante da 6 a 8 letti, una ampia sala parto con tre lettini disponibili e dislocati a distanza l’uno dall’altro  ed una sala post-partum con 4/6 letti. La Direttrice, di fronte alla nostra richiesta di chiarimento relativamente a delle macchie di umidità sul muro della sala parto, nonostante i lavori conclusi da pochi mesi,  ci ha risposto che erano in attesa degli idraulici per la rottura di un tubo.

Per quanto riguarda quindi il Centro Sanitario, possiamo dire che la nostra delegazione ne ha verificato il buon funzionamento; dalla consultazione dei libri ufficiali, abbiamo potuto constatare che  il Centro accoglie da 35 a più di 50 pazienti al giorno per vari bisogni sanitari (consultazioni mediche, analisi, richiesta di farmaci, …) e che periodicamente vengono fatte ispezioni ministeriali per verificare l’idoneità del Centro Sanitario rispetto ai requisiti richiesti dal Ministero della Sanità per far parte del Sistema Sanitario Nazionale. Ad oggi tutte le ispezioni hanno confermato l’idoneità del Centro Sanitario di Ndongozi.

Una necessità comunicataci dalla Direttrice riguarda l’acquisto di una nuova macchina sterilizzatrice di ferri chirurgici; quella attuale è molto vecchia ed usurata. Ne abbiamo richiesto il preventivo che ad oggi non ci è ancora pervenuto.

In seguito abbiamo visitato la parrocchia di Mwange, dove, grazie alla San Vincenzo de’ Paoli abbiamo in adozione più di 60 bambini. Siamo andati a trovare la stessa famiglia  dell’anno scorso e le migliorie alla casa sono state finite. La casa ha l’elettricità e risulta molto più confortevole e ben attrezzata, ma i genitori hanno a questo punto bisogno di essere seguiti maggiormente dal parroco nel perseguire progetti ed investimenti per i bambini.

Nel secondo giorno in Rwanda, la mattina ci siamo recati in centro a Ruhengeri per acquistare prodotti di artigianato da portare in Italia e nel pomeriggio siamo andati con Dieudonné nella Parrocchia di Butete. Abbiamo fatto visita a tre famiglie con bambini in adozione ed abbiamo registrato miglioramenti nell’economia delle famiglie oltre che nelle coltivazioni di frutta e verdura e nell’acquisto di capre da latte. I bambini ed i ragazzi stavano preparando i canti e gli spettacoli di Natale in parrocchia. L’arrivo della delegazione è stato motivo di festeggiamenti e di balli e canti. 

Il giorno successivo ,ed ultimo giorno, la meta è stata la Parrocchia di Runaba,  dove abbiamo apprezzato i risultati  della grande collaborazione e del duro lavoro del parroco Jean Bosco che ringraziamo: l’annesso che ospiterà la sala formazione e la sartoria è stato completamente ristrutturato, sono state acquistate 10 macchine da cucire e parte dell’arredamento, sono state costruite le toilettes per i ragazzi e le ragazze.

Tutto questo è stato realizzato in pochi mesi con parte della prima tranche di € 25.000,00, bonificata il 22/8/2017. Nell’incontro del 9 dicembre con Jean Bosco e l’Economo Generale della Diocesi si è stabilito che con una parte di soldi rimanente del primo bonifico e un nuovo invio di € 17.000,00, sarebbe stato  possibile 1) l’acquisto di altre macchine da cucire, viste le numerose richieste ed iscrizioni di alunne ,2) l’acquisto di ulteriore materiale e di parte di mobili necessari alla sartoria , 3) la costruzione del nuovo edificio che accoglierà la falegnameria. Al ritorno dal Rwanda, in data 14/12/2017, è stata bonificata alla Diocesi di Ruhengeri  la seconda tranche di € 17.000,00, finalizzata ai suddetti obiettivi. Per quanto riguarda la CEI, il nostro consigliere Riccardo Filidei, nonchè responsabile del progetto,  ha più volte sollecitato la loro risposta: il progetto è andato in commissione esattamente un anno dopo la nostra presentazione di tutti i documenti, ossia a fine gennaio 2018. Si ricorda che si è richiesto alla CEI un contributo di € 31.700,00 su un totale di €110.000/121.000. Il progetto prevede una durata triennale.

Nel corso della visita in  Rwanda, abbiamo avuto due incontri importanti e costruttivi con il Vescovo Monsignor Vincent Harolimana: il primo nel giorno del nostro arrivo per condividere i nostri obiettivi ed aspettative  ed il secondo a conclusione del tour per uno scambio amichevole e costruttivo di feedback come base per  una pseudo-programmazione futura della nostra collaborazione. Infatti una delle osservazioni che la nostra delegazione ha comunicato al Vescovo in persona è la scarsa manutenzione ordinaria di cui gli edifici del Centro Sanitario sembrano soffrire; pertanto, potremmo pensare allo stanziamento di una piccola ma costante somma annuale  (circa € 1.000,00/1.500,00) per il buon mantenimento dei locali ed acquisto di minuteria necessaria.

Nell’anno 2017 l’Associazione P.E.R. ha organizzato i seguenti eventi:

1) cena di beneficenza il 19 Maggio 2017

2) cena di beneficenza il 17 Settembre 2017

3) tombola di beneficenza il 31 Ottobre 2017

4) evento “La Magia di Natale” c/o la Villa Crastan il 16 e 17 Dicembre 2017

Ci teniamo anche a ringraziare tutti i singoli benefattori: sia coloro che hanno partecipato ai nostri eventi e cene, sia coloro che hanno contribuito finanziariamente con donazioni. Si ringraziano  pertanto il Centro Estetico “Venere” di Pontedera, la famiglia Pierini, la famiglia Guidi Moni, la famiglia Conti.

Inoltre sono altresì da encomiare  tutti coloro che hanno prestato tempo, energia e competenze all’organizzazione di eventi e spettacoli in favore dell’Associazione P.E.R. Onlus. A questo proposito un grazie particolare lo rivolgiamo allo Sporting Club di Pontedera, al Ristorante Cigno Nero di Bientina, alla Fattoria Santa Lucia di Pontedera, all’Amministrazione Comunale di Pontedera e a tutti gli Elfi e Babbi Natale che sono stati l’anima dell’evento la Magia di Natale, coordinati magicamente dalla forza creativa delle  due ideatrici Cristina Cavallini e Cristina Fiorentini e dall’esperienza di Lucia Favilli.

Per quanto riguarda le adozioni a distanza, continua la proficua collaborazione con la San Vincenzo De Paoli. A questo riguardo è da sottolineare il lavoro di coordinamento del nostro Consigliere Giancarlo Salamone. Ad oggi le Parrocchie coinvolte dal progetto “Adozioni a distanza” sono la Parrocchia di Mwange, Butete e Runaba. Dopo la nostra visita ad alcune delle famiglie sostenute dal progetto della San Vincenzo de Paoli nelle tre parrocchie, abbiamo pensato, in perfetta sintonia con la leader indiscussa della San Vincenzo Ufficio Nazionale, Sig.ra Bagarella, di implementare il numero delle famiglie delle due nuove parrocchie e lasciar diminuire fisiologicamente il numero elevato di Mwange (alcuni bambini sono diventati nel frattempo dei giovani).

E’ doveroso ringraziare tutti i  membri  dell’Associazione per la fiducia, la disponibilità e la fattiva e costante collaborazione prestata.

Grazie a tutti e … buon lavoro p.e.r. i nostri obiettivi futuri.

Il Consiglio Direttivo

Fornito da WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: